A L’Aquila “Graffi” – rassegna di segni

Scritto da su 12 ottobre 2017

Il 13 e il 14 ottobre, si terrà a L’aquila la rassegna “Graffi”  curata da Stefano Antonucci, abruzzese doc, con la collaborazione di Polarville L’Aquila e Spazio Rimediato.

Tra i partecipanti troviamo anche il sito satirico Lercio.

Stefano ha recentemente pubblicato il libro “Il Piccolo Fuhrer“, scritto e disegnato assieme a Daniele Fabbri e Mario Perrotta.

Dopo il successo di “Quando c’era lui” e “Gesù: la Trilogia”,  il duo Fabbri/Antonucci torna ad occuparsi di estrema destra con un’opera provocante. Uscito ufficialmente il 12 ottobre ma presentato in varie fiere in anteprima in giro per l’Italia, è già alla prima ristampa.

Abbiamo parlato con  Stefano di quest’opera.

 

Come mai hai pensato di “disturbare”un classico come il Piccolo Principe?

Questa è la premessa del libro. Nel 1933, otto anni dopo la pubblicazione del Mein Kampf, Hitler scrisse e illustrò un libro per ragazzi, sotto consiglio di Joseph Goebbels, con lo scopo di propagandare il nazionalsocialismo ai giovani tedeschi. Ne risultò un agile volume dal titolo “Gioventù Hitleriana contro menzogna, stupidità e codardia”, che Goebbels suggerì di ribattezzare, per efficacia propagandistica, “Der Kleine Führer”, Il Piccolo Führer. Io, Daniele Fabbri e Mario Perrotta abbiamo deciso di curarne l’edizione italiana per dimostrare come il linguaggio possa far passare ogni tipo di idea, anche le peggiori.

Cosa bisogna aspettarsi da questa scelta, qualche parallelismo?

Il volume è un libro illustrato scritto in prima persona da Hitler con lo scopo di propagandare il Nazismo ai ragazzi, la satira arriva attraverso il grottesco e l’esagerazione. Un buon parallelo può essere il libro di Jonathan Swift, “una modesta proposta” Dì la verità: Antoine Jean Baptiste Marie Roger de Saint-Exupéry ti fa schifo? Non sono un fan de Il Piccolo Principe, ma in questo volume è usato come pretesto. Ci serviva un libro per bambini impresso nell’immaginario collettivo da poter ribaltare nei concetti e nei contenuti. Dal Duce a Hitler, il passo è breve? Viviamo in un epoca in cui i populismi e le destre stanno tornano prepotenti in tutta europa. Gli autori satirici parlano del mondo che hanno intorno, e secondo noi questo è l’argomento su cui si giocano i diritti sociali e il modo di vivere in europa dei prossimi anni.

Segue programma di Graffi:

 

Programma.

Venerdì 13 ottobre – ore 21, presso Spazio Rimediato
Presentazione/reading de “Il Piccolo Fuhrer” con Daniele FabbriStefano Antonucci e le musiche dal vivo di Doriana Legge
Ingresso gratuito

Sabato 14 ottobre – ore 17, presso Polarville L’Aquila
Gli Scarabocchi di Maicol&Mirco presentano “Il Papà di Dio” segue firmacopie.
Ingresso gratuito

Sabato 14 ottobre – ore 21, presso Spazio Rimediato
inside Lercio – dentro lo sporco che fa notizia – il mock journalism spiegato da chi lo fa. Lercio
Ingresso 7 euro – si consiglia prenotazione
spaziorimediato@gmail.com

 

Modifiche: l’articolo è stato modificato per includere l’intervista audio ed è stata tolta la parte riguardante la partecipazione di Labadessa, che non sarà presente all’evento.


Radio Delta 1

Suona solo grossi calibri

Current track
TITLE
ARTIST

Background