Riapre la Basilica di Collemaggio

Scritto da su 20 dicembre 2017

Gravemente danneggiata dal sisma del 6 aprile 2009 la Basilica di Santa Maria di Collemaggio, proprietà del Comune de L’Aquila, riapre oggi, dopo un restauro finanziato da Eni, con progettazione e direzione dei lavori curate dalla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per L’Aquila e cratere.

 La cerimonia di riapertura alla presenza del ministro dei Beni culturali Dario Franceschini, dell’arcivescovo dell’Aquila, Giuseppe Petrocchi, del sindaco Pierluigi Biondi, della soprintendente Alessandra Vittorini e dei vertici Eni, che hanno messo in campo il loro know how nei progetti complessi e le tecnologie piu’ avanzate. “L’intervento di restauro è stato delicato e complesso” ha detto la Soprintendente ai Beni storici per l’Aquila e il cratere, Alessandra Vittorini.

–          “E’ veramente uno splendore”, ha detto il ministro Dario Franceschini, che ha annunciato anche l’arrivo in città della grande arte contemporanea.

–          “Ha anche un alto valore sociale” ha detto l’arcivescovo dell’Aquila mons. Petrocchi, intervistato da Marianna Gianforte.

Alle 12 si è tenuta la liturgia della benedizione della Basilica con la traslazione delle spoglie di San Celestino V: il trasporto dall’oratorio di San Giuseppe dei Minimi è stato effettuato dai Vigili del fuoco del Comando provinciale, con la scorta del Corpo di Polizia Municipale.

Da giovedì 21 la basilica sarà aperta tutti i giorni, con orario 9-12:30 e 15.30-18.

 


Radio Delta 1

Suona solo grossi calibri

Current track
TITLE
ARTIST

Background