La pampanella molisana: un secondo piatto piccante e gustoso

Written by on 1 Settembre 2017

Tra i piatti di carne più conosciuti della tradizione gastronomica molisana, c’è senza dubbio la famosa pampanella. Un nome particolare per un piatto la cui origine non è molto chiara. Una delle poche cose certe è che, nonostante oggi venga prodotta in varie zone della regione, in origine veniva preparata esclusivamente nella zona di San Martino in Pensilis, dove sono dei veri maestri nel realizzarla.

In passato veniva prodotta in casa dai contadini, per il consumo esclusivo della famiglia, ma ben presto la sua bontà ne fece un piatto molto ricercato e di conseguenza anche molto costoso. A poco a poco si diffuse nelle fiere come uno dei più gustosi piatti di carne, come pure nelle feste e nelle sagre disseminate nella regione. La sua commercializzazione divenne ben presto inevitabile, soprattutto in conseguenza alla sua altissima richiesta.

Foto di Thomas Tozzi da www.moli.se

La pampanella non è altro che carne di maiale, speziata con aglio e peperoncino, cotta in forno e irrorata di aceto. Inutile dire che è molto ma molto piccante, come si deduce già dal suo colore rosso vivo.

Perché si chiama così? Il nome pampanella deriva dal termine pampini, ovvero le foglie di vite con le quali la carne veniva avvolta prima della cottura per mantenerla umida, sostituita oggi dalla normale carta paglia bagnata.

INGREDIENTI

– 4 costolette di maiale

– peperone rosso essiccato in abbondanza

– diavolillo come se piovesse, ovvero peperoncino rosso piccante in polvere

– aceto di vino bianco

– aglio, sale ed olio

Foto di Thomas Tozzi da www.moli.se

PROCEDIMENTO

Prendete una terrina e mescolate al suo interno il peperoncino, il peperone, l’aglio schiacciato e tritato finemente, e l’aceto. Passate le costolette di maiale, una per volta, nell’impasto ottenuto, avendo cura di ricoprire la carne in maniera uniforme.

Ungete di olio una teglia ed infornate il tutto a 180° per circa 50 minuti, rigirando le costolette di tanto in tanto. A metà cottura salate la carne ed irroratela di aceto, ricoprendo il tutto di alluminio. Fate terminare la cottura e servitela calda o fredda, è buona in entrambi i modi.

Sarà un piatto ideale per una divertente cena tra amici. Assicuratevi prima però che amino il piccante!

Fonte: www.molisiamo.it


Background