Top5 – Città con graffiti

Written by on 21 Febbraio 2018

L’arte contemporanea a cielo aperto, i murales, è nata a New York negli anni ’70 ed è ormai diffusa in tutto il mondo. Nella Top5 di oggi, da una rassegna curata dal quotidiano francese le Figaro, le città che si impongono oggi nel panorama mondiale e dove consigliamo un viaggetto se siete appassionati di graffiti e arte murale.

1. Detroit, dove consigliamo la visita della Rivera Court, che prende il nome da Diego Rivera, compagno di Frida Kahlo, con cui soggiornò a Detroit tra il ’32 il ’33. Rivera si recò a Detroit proprio per disegnare questo murales, il Detroit Industry, opera imponente e maestosa, composta da ventisette pannelli che richiese ben un anno di lavoro ed è un tributo alla città oltre ad essere considerata il più alto esempio d’arte murale messicana.


2. Miami La street art a Miami significa soprattutto Wynwood Walls, i coloratissimi muri che “ospitano” opere di vari artisti nel quartiere Wynwood di Miami.


3. New York Lungo le strade dei quartieri periferici di Manhattan, a Brooklyn, nel Bronx o a Queens, si può ammirare un’infinità di graffiti, che portano la firma di alcuni degli artisti più popolari e famosi della street art, Keith Haring su tutti.


4. Barcellona Murales, graffiti e piccoli tag sulle saracinesche. Spesso sono gli stessi proprietari di negozi e bar a commissionare i lavori a giovani writers. L’artista più famoso è Francisco de Pajaro, che ha trasformato i rifiuti urbani in arte creativa con il progetto “Art is Trash”


5. Bristol E’ la città sui cui muri ha mosso le prime per così dire pennellate Banksy e da 30 anni la street art ne è la cifra distintiva.


Background