Regista lancianese presenta film a Roma

Written by on 28 Novembre 2019

Dalla premiazione negli Stati Uniti d’America per una sua sceneggiatura, all’anteprima nazionale nella città di Roma per una sua pellicola.
Si intitola “The whiteness of a child’s mind and death” (L’innocenza della mente di un bambino e la morte), il nuovo progetto cinematografico che ha visto recentemente impegnato nella sua realizzazione Antonio Montefalcone, sceneggiatore e regista indipendente di Lanciano (Ch).
Il film, di genere sperimentale, è stato scritto, montato e diretto da Montefalcone e prodotto dalla Dreamlike Film Productions a cui fa capo lo stesso autore frentano.
L’opera, un’esperienza sensoriale allegorica ed evocativa, parte dall’impatto traumatico ed angosciante sulla mente sensibile di un bambino, che scopre la morte per la prima volta nella propria esistenza, per arrivare a riflettere sulla finitudine della natura umana e della realtà, e quindi sul senso di precarietà e di limitatezza dell’esistenza stessa.
Entrando nel circuito dei festival nazionali ed internazionali a cui ha partecipato, il film è risultato semifinalista nella selezione ufficiale del Lisbon Film Rendezvous 2019 (un festival di cinema che si è svolto in Portogallo l’Ottobre scorso), finalista nella selezione ufficiale del Malabo International Music and Film Festival (il 14 Dicembre prossimo a Malabo City nella Guinea Equatoriale), e, recentemente, si è classificato finalista nella selezione ufficiale del Roma Independent Film Festival 2019, un noto festival cinematografico che si svolge da quasi 20 anni a Roma. Il film di Antonio Montefalcone ha superato una selezione di quasi 2.000 opere provenienti da tutto il mondo prima di essere scelto per far parte del programma ufficiale del RIFF e quindi di poter gareggiare con altre pellicole nazionali ed internazionali al premio finale.
All’interno del Roma Independent Film Festival, che si è svolto dal 15 al 22 Novembre scorsi, “The whiteness of a child’s mind and death”, come film finalista al festival, ha avuto la possibilità e l’onore di ottenere la sua anteprima nazionale proprio nella capitale.
Il film del cineasta lancianese è stato infatti proiettato al pubblico il giorno 16 Novembre 2019, al Nuovo Cinema Aquila di Roma. Antonio Montefalcone, in veste di regista del film, è stato presente in sala durante la proiezione per parlare della sua opera.
«L’eccitante emozione di questa serata e di questa anteprima nazionale vale molto più di vittorie o premiazioni varie. L’essere stato selezionato da un festival di notevole qualità come è il RIFF, è già un successo per me e la mia opera; e ricompensa con piena soddisfazione tutta la determinazione e la passione, la fatica e l’accurato lavoro che ho riservato per la realizzazione di questo mio film», ha sottolineato l’autore in un’intervista.
Il film di Montefalcone, in attesa di un’eventuale distribuzione futura e di una sua diffusione nei cinema, in tv o in dvd, continuerà nei prossimi mesi il suo percorso nel circuito dei festival nazionali ed internazionali, di partecipazione a competizioni (è ufficialmente iscritto e in concorso ai premi David di Donatello 2020), e, successivamente, sarà visibile anche su Internet.
Antonio Montefalcone, che non è solo sceneggiatore e regista, ma anche critico cinematografico (on line su www.mymovies.it e www.bestmovie.it scrive recensioni di film in uscita nelle sale), in passato ha raccolto svariati premi a concorsi o festival di cinema, e collezionato molti primi posti e finali per le sue sceneggiature originali. Tra questi si ricorda l’importante riconoscimento a livello internazionale ottenuto con “Mark, 12, 41”, sceneggiatura totalmente scritta in lingua inglese.
L’opera, molto apprezzata in America, si è classificata al 3° posto nella categoria «Best Short Script» al Calcasieu Parish Short Film Festival 2019, sito nella città di Sulphur in Louisiana (USA), ed è stata qui premiata il 18 Maggio scorso.


Background